Connect with us
365tv puliti dentro biker fuori

Miscellenea

8 tipi di BIKER che puoi incontrare lungo i trail

8 tipi di Biker MTB che puoi incontrare lungo i sentieri.

CHE BIKERS SEI?

L’ORGANIZZATORE

Il promoter dei giri del sabato. Passa tutta settimana a studiare percorsi su mappe e google maps. Le uscite in settimana sono sempre in solitaria, per scoprire in gran segreto nuovi trail, da proporre con vanto all’uscita del sabato.

IL RITARDATARIO

All’uscita del sabato non manca mai. Unico neo, non è mai in orario. Allo scoccare dell’ora di ritrovo deve esser chiamato ogni volta per sapere come è messo, dove si trova, se c’è la fa…. Tutti sperano che dica di no, ma alla fine con scuse inventate riesce sempre a farsi aspettare, per la (non) gioia del gruppo.

L’OTTIMISTA

Quando si va a girare in posti nuovi, o si decide di provare qualcosa di diverso è sempre pronto a dire di si. Ad ogni bivio vede nella strada nuova un’opportunità, anche se non sa dove possa portare. Immancabilmente si ritrova in trail chiusi, brutti che prevede spinta della bici per tornare. Anche nel portage non perde l’ottimismo e apprezza il fatto che ogni tanto una camminata fa pur bene per la (non) gioia del gruppo.

IL PROFESSIONISTA

Il maniaco di tabelle di allenamento, studio dei dati e calcolo dei tempi. In salita non smette di snocciolare dati del suo Garmin ultimo modello: altimetria attuale, dislivello fatto, km percorsi e watt espressi. In discesa calcola tempo impiegato e naturalmente Strava deve esser Premium se vuoi esser qualcuno nella comunità dei bikers. A fine giro birra? Assurdo, solo Sali minerali e barretta energetica.

IL MAMMONE

Con lui sai sempre quando parti…e anche quando torni. Il suo cavallo di battaglia è ‘ragazzi oggi massimo alle 12 devo esser a casa…’. Alla domenica è bello andar in bici con l gruppo, ma arrivare tardi al pranzo preparato dalla mamma è un segno indelebile alla sua morale. Con i suoi tempi ristretti condiziona l’uscita di tutto il gruppo.

LO SPROVVEDUTO

Le uscite con lui sono sempre un rischio. Manutenzioni alla bici mai eseguite, olio alla catena e regolazione cambio non pervenute. Nello zaino tiene solo in telefono. In caso di foratura deve elemosinare camere d’aria, vermicelli e pompetta a destra e manca (naturalmente il malcapitato di turno non le rivedrà più rese). Nel momento del ristoro scrocca barrette, o mezze barrette ai compagni. È visto come la peste in caso di uscite su sentieri cazzutti, con lui solo asfalto.

IL VIP

Il bello del gruppo. Abbigliamento ultimo grido, gopro sempre accesa e foto ogni pausa. Andar forte non è una sua priorità. Al bar a fine giro, prima regola postare le immagini, sotto titoli improponibili, degni dei migliori video della RedBull. Se serve è a disposizione per consigli su abbinamento colori e componentistiche bici, senza saperne il reale vantaggio, ma fa molto cool.

IL PRUDENTE

La sicurezza viene prima di tutto. Un’uscita in mtb rappresenta sempre un pericolo. Esce solo se ha casco integrale (o mentoniera staccabile), ginocchiere, parastinchi, gomitiere e paraschiena. Nello zaino trovi un’officina bonsai e non può mancare un kit pronto soccorso. Numero di barrette esagerato per il tipo di giro. Non si sa mai. All’inizio di ogni discesa parte la vestizione con tutte le protezioni, anche per fare la rampa che scende in garage. I giri con lui portano le attese ad ogni discesa, infinite.

Video facente parte della puntata #39:
https://365mountainbike.com/puliti-dentro-biker-fuori/39-puntata-la-storia-di-honda-nel-downhill/

Autore: Rain Man

#51 Full report dalla Capoliveri Legend XCO

PULITI dentro BIKER fuori

#50 Il lavoro perfetto non… aspetta!

PULITI dentro BIKER fuori

IL PREATLETISMO: consigli per essere in forma in MTB

A Ruote Ferme

Motivi per invocare la sfiga in bici

Miscellenea

Advertisement Bike Center Elba
Connect
info@365mountainbike.com