Connect with us
365tv puliti dentro biker fuori

News

Test Race ‘Enduro Lamon’, 2 settimane al via

Autore: Davide Finetto

Fervono i preparativi per la Enduro di Lamon, piccolo paesino di 3000 abitanti in provincia di Belluno. Sarà seconda tappa del Triveneto MTB dopo la tappa inaugurale di Trieste (report -> Peršak e Albanese fanno loro l’Enduro 3 Camini ). Organizzazione a cura di AR6 Dhteam Triveneto Enduro Lamon, i quali hanno già fatto un ottimo lavoro sui trail visto che abbiamo già potuto “toccarli con mano” Sabato 25 Aprile insieme ad un bel gruppo di biker. Non eravamo soli visto che il giorno festivo ha portato decine e decine di bikers a provare il tracciato nonostante non fosse ancora segnato (sul sito si trovano le tracce GPS) e il tempo chiamava pioggia.

La gara è composta da 4 prove speciali su 28km di gara con 1350m di dislivello. Si correrà solo di Domenica evitando quindi il prologo del Sabato, inizialmente inserito nel programma di gara. Nonostante il dislivello alto, i trasferimenti non sono troppo impegnativi visto che sono quasi tutti in asfalto su di una pendenza costante intorno al 6/7% (la risalita sarà la stessa per tutte le PS). Fermo restando che non si conoscono ancora i tempi di trasferimento. Abbiamo avuto la fortuna di girare con fondo asciutto e bagnato (visto che nel pomeriggio è arrivata qualche goccia di pioggia). Il terreno ha un grip stratosferico ma se piove cambia completamente la situazione e bisogna fare attenzione ai vari sassi e radici, non sono poi molte ma le poche che ci sono si fanno sentire.

La PS1 è denominata ‘Biscotto’, oppure “chainless” visto che gli organizzatori ci riferiscono che qui la catena non serve molto. La partenza avviene dopo il trasferimento più lungo della gara su di un prato a quota 1200m con una vista spettacolare sul monte Coppolo. La PS1 è veramente veloce con un single track iniziale dove in gara si prenderanno delle altissime velocità (penso anche i 50/60 km/h). Alcuni dicono che forse verranno inseriti dei piccoli rallentamenti con delle fettucce ‘tattiche’ ma se questo non avverrà preparatevi a mollare i freni. Aspetto positivo è il terreno che tiene bene e le curve belle “burrose” stile pineta. Niente di particolarmente tecnico a parte un passaggio centrale con 2 gradoni abbastanza alti che, se fatti in velocità. possono portare a degli errori.

La PS2 prende il nome di ‘Acquedotto‘, questo perchè appunto si parte da un acquedotto posto a 400m di trasferimento dalla PS1. PS molto corta ma ben guidata che quindi può far perdere preziosi secondi se presa sottogamba. Si parte da una sommità di una collinetta, per pedalare a tutta per una cinquantina di metri. Poi un tratto guidato ci farà attraversare un caseggiato che immette in un bellissimo bosco in contropendenza. Piatto forte una coppia di ripidi (attenzione alla traiettoria) e il muretto/drop finale. Niente di che ma se preso forte, e con atterraggio in piano, ci farà sentire il fondo corsa.

La PS3, ‘No Hands‘, arriva dopo il controllo orario. Si riaffronta, come trasferimento, la stessa risalita iniziale ma fermandosi prima. La prima parte della PS è la stessa della PS1 ma per poi cambiare completamente carattere. Si passa da una sezione molto veloce a un sottobosco guidato e tecnico. Bellissimo il passaggio in un canalone con 3 drop naturali uno di seguito all’altro (forse il passaggio più tecnico della gara, attenzione a valutarli bene e non farsi sorprendere con errori banali). C’è spazio anche per 2 brevi strappi per una PS molto bella.

La mia preferita (e di molti) è la PS 4 denominata ‘Val del Beck‘. Si ritorna a risalire il trasferimento della PS precedente (lo stesso anche della 1) per poi salire solo qualche centinaia di metri più in là rispetto alla PS3. Sicuramente la PS piu enduristica con tratti da guidare e tratti da spingere sui pedali, però sempre con singletrack divertenti ma mai “impestati tecnicamente”. Essendo anche l’ultima, e la più lunga, sarà la prova speciale che farà di più la differenza. Partenza su fondo smosso per poi affrontare un tratto tecnico, con una serie di scaloni naturali. Poi si sfreccia veloci verso un bosco con delle piccole radici che affiorano. C’è spazio per un breve strappo che finisce con un gradone: i più tecnici riusciranno a salire in sella mentre gli altri dovranno scendere, ma se il gesto viene fatto bene non si perderanno secondi. Superato questo ostacolo, ci aspetta una bosco pendente dove si prende una grande velocità in previsione dell’arrivo della PS.

Una gara senza grossissime difficoltà tecniche ma non per questo non divertente. Non sono richieste grandi doti pedalatorie durante le PS, se non a piccoli sprazzi in PS3 e 4. I single track sono molti belli e curati, consentendo di far divertire sia il biker meno tecnico che l’esperto. Il terreno, se asciutto, tiene bene e si può affrontare con pneumatici abbastanza scorrevoli. In caso di pioggia, invece, dei bei tasselli ci tornano utili sui sassi scivolosi e sulle radici “bastarde”.

Il costo d’iscrizione è di 35€ per FCI ed enti della consulta mentre è di 20€ per le categorie giovanli Allievi ed Esordienti, che gareggeranno solo sulla PS3 e 4. Possibilità di partecipare anche per i non tesserati grazia alla tessera giornaliera (15€). Le iscrizioni chiudono Mercoledì 6 Maggio. Noi ci saremo!

Tutte le info al sito ufficiale

lamonen

Advertisement Funky Day
Connect