Connect with us
Dainese

News

Lapierre E-zesty, un nuovo modo di interpretare l’elettrico

Abbiamo avuto modo di provare per tutta la primavere la nuova Lapierre e-zesty. Un concetto innovativo di bici elettrica, un ibrido dove il sostegno del motore è minore e la bici con un clic si può trasformare in un mezzo tradizionale. Le geometrie sono quelle della Zesty muscolare a cui è stato inserito un motore Fazua, vero innovazione di questa bici.

LA BICI

Il telaio è il full carbon ultimate, sul quale hanno lavorato per cercare di bilanciare al meglio le masse dandogli centralità per una guida più reattiva e fluida. La componentistica è da top di gamma, con un paio di dettagli che ci hanno lasciato alcuni dubbi quali il cambio nx e i freni Guide, componenti meno ‘pregiati’ che non ci saremo aspettati su una bici di questa fascia.  Nel complesso però un ottimo allestimento, che verrà apprezzato dai palati più fini. Il gruppo ammortizzato è il top di gamma di casa Fox con la 36 Factory e il mono float Kashima. Viene fatto largo uso del carbonio sia per le ruote realizzate in casa Lapierre, che per gli altri componenti, quali le dì pedivelle di FSA studiate per le e-bike.

L’aspetto estetico è ottimo, finiture curate con dettagli quali i passa cavi in alluminio e il parafango integrato per proteggere il mono posteriore denotano attenzione progettuale di alta qualità.

IL MOTORE

Questa Lapierre e-Zesty AM LTD Ultimate è progettata intorno al compatto e leggero motore Fazua Evation, vero cuore di questo progetto. Con una potenza di 250 w e una batteria da 250 Wh. Grazie all’ingegnoso design della startup bavarese, questo motore raggiunti i 25K/h si scollega completamente dal movimento centrale, regalando così una pedalata fluida e priva di resistenza. I livelli di supporto sono 3, azionabili da un comando remoto composto da 10 led che a seconda del colore indicano l’intensità dell’aiuto e registrano anche il livello della batteria. Brezze, River e Rocket i nomi dell’intensità di sostegno.

A gestire la pedalata vi sono due tipi di sensori, uno dedicato alla coppia e il secondo alla cadenza. Questi sono collocati ai lati del movimento centrale. La velocità è invece gestita da un sensore posto sulla ruota posteriore. Il design innovativo del gruppo motore e batteria permette di togliere l’intero blocco trasformando così la bici in un mezzo tradizionale, avendo così due bici in una. Altra caratteristica del motore Fazua è quello di spegnersi automaticamente dopo 8 ore di inutilizzo. Per riattivarlo bisogna però avere con se la chiave per togliere il pacco motore batteria per riavviarlo, cosa che andrebbe sicuramente migliorata, così come il fatto di dover togliere tutto il blocco anche per ricaricarla.

IN PROVA

Il test di una bici parte dalle regolazioni base, sag, altezza e arretramento sella, posizione del manubrio. Azioni facili e intuitive che permetto in breve di vestire la bici sulle proprie esigenze

In salita

Nel pedalato la bici si comporta molto bene, a motore spento la pedalata è fluida, ma nelle salite più lunghe il peso si fa sentire, mentre togliendo pacco motore e batteria la bici diventa una muscolare vera (attorno ai 15kg), sia come sensazione di pedalata che come pesi. Forse a causa del posteriore un po’ più corto la e-zesty tende ad impennarsi sulle salite più ripide, sia a con l’ausilio del motore che senza, portandomi ad optare per una posizione più carica sull’anteriore per ovviare a questo inconveniente. In questo modo in salita la bici risponde ben, la sensazione è di avere una bici da trail più che un mezzo che strizza l’occhio all’enduro, sia come posizione che come lavoro della muscolatura durante la pedalata. È chiaro che con questa posizione la discesa ne esce un po’ penalizzata, ma è possibile modificare l’impostazione sulla base dei trail che si pedalano. Ottimo il comportamento del carro posteriore in fase di assorbimento degli urti, il posteriore copia bene tutto permettendo una pedalata fluida e redditizia in ogni situazione. Azionando il motore la spinta cambia, mantenendosi in posidonie Brezze quella che comunemente si chiama eco, il supporto è minimo e tu devi comunque pedalare, la sensazione è di salire alla velocità di una bici da xc muscolare, passando alle modalità più sostenutele aumenta la spinta ma sempre con una dinamica più delicata rispetto alle elettriche pure. Da migliorare è l’inserimento del motore, ora se non si ha una pedalata rotonda vi è il rischio di avvertire un funzionamento a singhiozzo, rendendolo sfruttabile solo da chi è già in possesso di una buona tecnica di pedalata, mentre i meno esperti potrebbero trovare fastidioso il continuo on off. Altro punto su cui sarà necessario lavorare è il range ottimale di utilizzo che si ha con una pedalata lenta, compresa fra le 65-80 rpm, più vicino allo stile di una city bike che di un mezzo dedicato a appassionati con un buon bagaglio di esperienza e allenamento.  Il carro lavora bene copiando le asperità e permettendo una pedalata fluida. Nella posizione firm il mono ha un ottima rigidità che permette anche rilanci in piedi sui pedali.

In discesa

Riprendiamo il discorso dalla posizione del manubrio, con un avantreno dedicato alla salita ovviamente la prestazione discesistica viene penalizzata un po’ ma è sufficiente inserire degli spessori sotto l’attacco manubrio e sollevare il tutto di un cm circa per avere frale mani un ottimo giocattolo. Reattiva e precisa negli inserimenti in curva, la posizione sollevata così raggiunta permette di impostare le traiettorie con sicurezza, sia negli anticipi delle curve che nei passaggi più scassati, dove radici o sassi impongono una guida molto più attiva.

ottimo il lavoro del carro nelle condizioni più accidentate

Il carro lavora alla perfezione, molto sensibile nella prima parte raggiungendo ottimi livelli per un mono ad aria sostiene per lanciarti fuori dalle curve, mentre nei rock garden lavora in modo attivo e in sinergia con il corpo. Una bici moderna che predilige una guida attiva, che sfrutta le asperità per accelerare e spinge anche in uscita di curva

Conclusioni

Un nuovo modo di interpretare la pedalata assistita quella proposta da Laperre con questa e-Zesty, che si rivolge ad un pubblico di biker esperti e mediamente allenati che, grazie a questo supporto possono ampliare i loro orizzonti con un mezzo che mantiene le caratteristiche di una bici tradizionale ma con la possibilità di aiutare l’appassionato qualora ce ne fosse bisogno. Una due ruote polivalente che permette con una sola bici di abbracciare due mondi. Vi sono ancora alcuni dettagli che vanno migliorati, come l’inserimento del motore legato alla rotondità della pedalata e l’utilizzo che deve essere ottimizzato anche alle frequenze di pedalata più alte, tipiche di chi ha un po’ di ‘gamba, ma crediamo che sia una strada che nel tempo potrà dare ottimi risultati. Ottimo il funzionamento del carro posteriore in grado di assorbire gli urti e di permettere una guida attiva del mezzo con uscite di curva rapide e grande precisione nell’impostazione delle traiettorie. Da migliorare l’allestimento, con un manettino cambio e comparto freni non all’altezza della fascia di prezzo.

PRO
Versatilità del mezzo Precisione di guida Carro molto sensibile e attivo  
CONTRO
Alcuni dettagli da migliorare nell’allestimento Da migliorare l’inserimento del motore alle alte frequenze di pedalata  

SCHEDA TECNICA

telaio : NEW eZesty AM FULL CARBON ULTIMATE 150mm travel, BOOST, METRIC, THRU AXLE

Forcella : NEW FOX 36 FLOAT FACTORY KASHIMA BOOST 15×110 160mm

Ammortizzatore : FOX FLOAT DPS FACTORY KASHIMA LV EVOL TRUNNION

Serie sterzo : FSA ORBIT ZERO STACK

Pedivella : NEW FSA CARBON e-Bike ISIS 170MM w/SRAM XSYNC II 32T RING

Attacco manubrio : NEW LP FULL CNC 0° 35MM (M, L), 45MM (XL)

Reggisella : LP CARBON DROPPER 125(M), 150 (L, XL)

Manubrio : RACE FACE SIXC CARBON 20MMx785MM – LP LOCK-ON grips

Cambio posteriore : SRAM X01 CARBON EAGLE 12SPD

Freno : SRAM GUIDE RE – SRAM CENTERLINE 200mm/200mm

Comandi cambio : SRAM GX EAGLE MATCHMAKER SINGLE CLICK 12SPD

Sella : NEW Lapierre CRMO by Velo

Ruote : LP eAM+ CARBON 584×33 BOOST, TUBELESS READY

Cassetta o ruota libera : NEW SRAM PG1230 EAGLE 11-50 12SPD

Pneumatici : NEW MAXXIS HIGH ROLLER II WIDE TRAIL 27.5×2.5 3C MAXXTERRA EXO FRONT & REAR + TUBELESS TAPE + VALVES

Motore : NEW FAZUA EVATION 1.0 DRIVE PACK + 250Wh BATTERY PACK

Peso : 18,9 kg

Dimensione : M, L, XL

la comparativa enduro mtb la comparativa enduro mtb

LA Comparativa: 10 Enduro 2018 a confronto

Test Bike

lapierre spicy lapierre spicy

Test Lapierre Spicy 527 Ultimate

Test Bike

Test Lapierre Spicy 527

Test Bike

Test Lapierre Spicy 327

Test Bike

Advertisement Funky Day
Connect