Connect with us

Test Bike

Test GT Force Carbon Pro

GT rinnova la sua all-mountain per antonomasia, vale a dire la Force, con geometrie molto più moderne e un nuovo schema ammortizzante che forse farà rimpiangere, per alcuni estimatori, il “vecchio” i-drive (AOS). ll format rimane 27,5″ con la possibilità di usare coperture fino a 2.6″. L’escursione è di 160mm all’anteriore e 150mm al posteriore. Ma davvero si può definire la Force una all-mountain con questi numeri?

Completamente ridisegnata, anche la Force (come le sue compagne Sensor e Fury) abbandona un sistema di tipo monocross, per quanto evoluto come l’Aos che grazie al particolare Pathlink rendeva il movimento centrale flottante, e adotta il nuovo schema di sospensione LTS, schema a quadrilatero che farà felici una fetta più grande di biker rispetto al più complesso Aos. La Force è una bicicletta con 150mm di escursione al posteriore e 160mm all’anteriore in 27,5”; tra allmountain ed enduro, come lo era la versione precedente presentata nel 2015. Martin Maes la già portata più volte a podio nelle Enduro World Series, dimostrando la sua poliedricità.

Prezzo € 5.490,00
Prezzo telaio + ammo | n.d.
Distributore Italia: www.gtbicycles.com

CARATTERISTICHE

Il triangolo anteriore della GT Force Carbon, naturalmente, è in carbonio mentre il carro è in alluminio: boost 148×12 con un flip chip per variare le geometrie. Molto bello il passaggio cavi esterno ma “incassato” nel telaio: gradevolezza estetica e funzionalità, forse la scelta migliore fino ad adesso mai vista (presente però solo sui telai in carbonio). Protezioni in gomma sul tubo obliquo e sui foderi dal lato della catena. L’ammortizzatore è metrico con attacco Trunnion su cuscinetti. Tutte le più moderne soluzioni le troviamo sulla Force. VERSIONI E COMPONENTI In Italia troviamo 3 modelli importati: i 2 modelli in carbonio CARBON PRO e CARBON EXPERT e il modello in alluminio AL EXPERT. Il kit telaio non è disponibile in Italia. Il modello in test è il top di gamma del marchio Americano ed è disponibile a 5499€, mentre il montaggio lo trovate all’ultima pagina di questo test. Appena più sotto troviamo il Carbon Expert a 4199€: forcella RockShox Pike RC 160 mm, ammortizzatore RockShox Deluxe RL, cambio SRAM GX Eagle 12 velocità, freni a disco idraulici SRAM Guide 200/180 mm e cerchi Stan’s NoTubes Flow S1 32H. Base di partenza, la AL Expert con telaio in alluminio: forcella RockShox Yari RC travel 160 mm, ammortizzatore posteriore RockShox Super Deluxe R, trasmissione SRAM NX Eagle, freni a disco idraulici Tektro Slate T4 203/180 mm e ruote WTB ST i29 TCS 2.0 32H.

GEOMETRIA

La Force si propone con una geometria tipicamente da Enduro, come l’angolo sterzo da 65°, un carro posteriore da 435mm e un angolo sella molto verticale (75,5°). L’interasse è di 1192mm, non troppo lungo grazie a un reach molto compatto (440mm). L’altezza da terra è molto bassa (339mm). La geometria in generale non si discosta molto dalla nuova Stumpjumper di Specialized o Bronson di Santacruz, dimostrando come le nuove all-mountain sono sempre più aggressive. Occhio alla taglia perchè l’angolo sella così verticale può portare molti biker a preferire la taglia in più.

Taglie S, M (test), L, XL
Angolo sterzo 65°
Tubo verticale 430mm
Tubo di sterzo 110mm
Carro posteriore 435mm
Interasse 1192mm
Altezza movimento centrale 339mm
Reach 440mm
Stack 599mm

IL RESPONSO DEL TEST

La definizione di Trail o All-Mountain sta cambiando: appena si sale sulla Force ci si accorge di come sia raccolta la posizione. Reach compatto (440mm in taglia M) unito ad un angolo sella molto verticale (75.5°), la portano a essere molto corta in posizione di pedalata e molti biker si troveranno meglio a stare sulla taglia in più. Lo stack molto basso (599mm) poi non aiuta i biker con un cavallo alto o che vogliono una posizione più comoda/discesistica, ma questo “problema” è facilmente risolvibile con un bel rise da 30/35mm (che consiglio comunque di montare in ogni caso). L’angolo sella molto verticale permette di avere una bici che si arrampica molto bene, che non tende ad impennare anche se l’effetto bobbing a sospensione aperte è leggermente avvertibile.
Da evidenziare che comunque un angolo sella molto verticale permette sì alla bici di non impennarsi e avere meno effetto bobbing, ma dall’altro lato di non essere pienamente in spinta con le gambe, specialmente in persone con leve molto lunghe che si ritrovano troppo sopra ai pedali. Quindi in pedalatà la Force è buona ma non aspettatevi una bici super performante da questo punto di vista: non tende al Trail ma all’Enduro, anzi in quest’ultima categoria ci rientra appieno. Se cambiamo parametro e valutiamo la Force come una Enduro, possiamo dire che è ben pedalabile, questione di punti di vista e di cosa ci aspettiamo dalla bici. Con la nuova Force non bisogna essere abbondanti di SAG altrimenti non ne sfrutterete le sue potenzialità: il canonico 25/30% vi porterà ad avere una bici non pienamente performante in pedalata e con il fondocorsa facile. Meglio stare su un 20%. La Force è una all-mountain atipica, o meglio in linea con l’andamento di tutti i nuovi modelli di questa categoria: geometria molto aggressiva che la rendono una mini enduro (dopo che le enduro, anni fa, avevano preso la nomea/ direzione di mini DH). In discesa la prima impressione è quella di una buona capacità di assorbimento nella prima parte. La curva di progessione è abbastanza lineare, non c’è un grosso picco di progressività nella parte finale e questo la rende facilmente sfruttabile da qualsiasi tipologia di biker. La sospensione è decisamente plush, non ha niente a che spartire con la precedente Force o con la Sanction: la bici risulta meno reattiva ma, quello che si nota maggiormente, è la capacità di ammortizzare anche a freni tirati, questo lo si avverte chiaramente e farà felici anche i biker meno ingarellati che magari su modelli come la Sanction soffrivano, o meglio non trovavano il pieno feeling. A livello di maneggevolezza, visto il formato 27,5” e il reach compatto, è a ottimi livelli e si risulta ben centrati sulla bici, il che la rende ottima anche nelle fasi aeree. L’ottima centralità sul mezzo, e lo schema ammortizzante molto plush, la rendono molto stabile negli scassati veloci. Peccato solo per i freni Sram Guide R che, in un modello top di gamma, avremmo preferito fossero sostituiti con un modello più raffinato/discesistico.

Peso (senza pedali) 14,0kg
Forcella FOX Float Factory 36, 160mm, Kashima, FIT4 Damper, 3-Pos Adj, 15x110mm, tapered steerer
Ammortizzatore FOX Float Factory DPX2 EVOL, 185x55mm, Metric Trunnion
Ruote STAN’S NoTubes Flow MK3, 32h, tubeless ready con mozzi ALL TERRA Alloy Disc 15×110 front, 12×148 rear, 6 Bolt
Gomme SCHWALBE Magic Mary Performance, 27.5 x 2.35″, tubeless ready
Guarnitura TRUVATIV Descendant 7K, Dub, 32T
Cambio posteriore SRAM X01 Eagle
Comandi SRAM GX Eagle, 1×12
Freni SRAM Guide R hydro disc, 200/180mm Centerline Rotors
Cassetta SRAM XG-1295, X01 Eagle, 10-50, 12-speed
Serie Sterzo FSA Orbit C-40-ACB
Attacco RACE FACE Aeffect, 6061 Alloy, 35mm clamp, 40mm
Manubrio RACE FACE Aeffect, 35mm clamp, 20mm rise, 9° sweep, 5° rise, 780mm
Reggisella KS LEV Ci Carbon dropper, Southpaw remote, 31.6, 100mm (S) 125mm (M), 150mm (L/XL)
Sella FABRIC Scoop Shallow Sport
Colore Azzurra


Verdetto

PERÒ, NON MALE
La GT Force è la classica bici che, in ogni situazione dove la useremo, ce ne usciremo con un:”però, non male”. Non stona in nessun frangente: buona scalatrice, buona discesista, buon rapporto qualità/prezzo. Occhio alla scelta della taglia: se volete usarla in puro spirito all-mountain richiede presumibilmente una taglia in più. Adatta a coloro che vogliono salire per poi aprire il gas, o semplicemente divertirsi, in discesa. Non è una bici da usare per gasarsi nel pedalato, li troviamo la Sensor in casa GT.

+
• Se la cava in ogni situazione
(salita/discesa/rilanci).
• Rapporto qualità/prezzo.
• Freni Sram Guide R
• Basso valore di stack: potrebbe
richiedere un manubrio con un
abbondante rise per essere
goduta appieno.

Il 13 Ottobre, l’EWT inizia dall’Isola del Giglio!

News

Matadown 2019, tutto pronto per la festa

News

Annunciato il calendario EWS per il 2020

News

Parte il conto alla rovescia per il campionato Italiano di enduro

News

Advertisement Funky Day
Connect