Connect with us
Dainese

News

Rose Bikes ed il configuratore online

Il marchio Rose sta ricevendo sempre più consensi grazie alla sua politica online che riesce ad offrire ottimi prodotti ad un ottimo prezzo. Nello staff di ingegneri Rose ci sono stati dei piccoli cambiamenti con Max Sistenich e Christoph Kruppel che gestiranno il settore mountain bike. Rose collabora con l’università di Bocholtdi Scienze Applicate sotto la direzione del Prof. Dr.-Ing. Kerstiens e il Prof. Dr.-Ing. Nisch. Attualmente stanno lavorando sull’ottimizzazione dei disegni di layout per i telai in carbonio, sullo sviluppo di una e-bike e sulla conduzione di uno studio approfondito sul comportamento delle sospensioni sulle biciclette Fullsuspension.

Una delle peculiarità di Rose è proprio la possibilità di configurarsi la bici completamente online avendo un mezzo completamente personalizzabile. Un servizio unico che da un valore in più a Rose. L’acquirente seleziona la bici base da cui partire e poi via via si sceglie i pezzi: con il configuratore si può scegliere il colore del telaio proposto in due/tre colorazioni (solitamente uno verniciato ed uno anodizzato nel caso dell’alluminio; per telai in fibra diversi design e colorazioni a seconda del modello).

Sempre il configuratore, permette di scegliere la taglia, lunghezza manubrio/pipa/pedivelle, gruppo trasmissione, freni (anche posizione destra/sinistra anteriore/posteriore), ruote (standard e tubeless), forcella, ammortizzatore, manopole, pneumatici… insomma, tutta la bici è montata così come la desidera il rider. In questo modo si risparmia ancora di più, nessuna modifica deve esser fatta una volta acquistata.

Qui trovate un esempio sulla base della Granite Chief, bici che è stata testata sul numero di Aprile di 365mountainbike (in arrivo nelle edicole i primi di Aprile, non è un pesce!)

Fontana, Casadei e Bormolini medaglie d’argento al WES

News

E-Eis Granada: la regina del mondo e-enduro

News

Il Diario di Rustick #5: considerazioni finali sul viaggio a Granada

Editoriali

Il diario di Rustick #5: Da Granada non più con amore

Editoriali

Advertisement Funky Day
Connect